giovedì 25 luglio 2013

Forzatura Italia, il drammatico che si fa inevitabile.

E' ufficiale: il Popolo delle Libertà, meglio noto come PdL, chiude i battenti dopo le ferie in Costa Smeralda. Il padre-padrone, dopo averlo fatto più volte presagire, l'ha confermato attraverso i social network, media non proprio congeniali alle abilità comunicative del suddetto, ma forse più influenti dell'amato tubo catodico nel periodo estivo.

Insomma, al rientro dal mare il predellino entrerà nel mausoleo di Arcore e assisteremo alla riesumazione della creatura primigenia di Silvio Berlusconi, quella dell'inno gioioso, della calza sulla telecamera, del miracolo promesso e mai realizzato.
                                   

La mossa in sé sembra unicamente ridicola e buona solo per scatenare le ironie di critici e avversari, spesso molto più creativi nell'ideare sfottò che nel fronteggiare concretamente Sua Emittenza, in realtà trattasi di una scelta abbastanza inevitabile: vediamo perché.